Sindrome da burnout - Sei esaurito?

bruciare l'ufficio della donna

Se vuoi saperne di più sulla sindrome da burnout o ti è stata diagnosticata, sei nel posto giusto. Qui puoi ottenere tutte le informazioni importanti sulla sindrome da burnout, la sua storia e i vari sintomi. Inoltre, puoi imparare molto sulla prevenzione e sul trattamento del burnout.

Burnout: quando non ce la fai più

Ti svegli la mattina e vuoi sdraiarti. Ti senti vuoto, stanco, svogliato e non ha più voglia di fare niente. Anche per le attività che ti hanno sempre portato gioia, ti manca la motivazione necessaria. A ciò si aggiunge la coscienza sporca di non svolgere i propri compiti e di non poter più soddisfare sia le proprie esigenze che quelle provenienti dall'esterno.

Ma non sai perché non riesci a rimetterti in sesto. Ti rendi conto che in qualche modo non funziona. Se questo ti suona familiare, probabilmente lo sai anche con il vuoto interiore e la svogliatezza del lenta perdita di fiducia e autostima va di pari passo con:
 
Chiunque abbia la sensazione di non essere più in grado di far fronte alla propria quotidianità e sempre più compiti incompiuti lo lascia, si sente inutile e inferiore nel tempo. Quella Interazione di svogliatezza e perdita di La fiducia è uguale a uno Circolo vizioso. E questa sensazione di non essere più in grado di affrontare la vita e le sue sfide quotidiane spesso precede il burnout.

Bruciato. Probabilmente tutti conoscono il termine.

Non c'è da stupirsi, dopo tutto, quasi nessun altro fenomeno negli ultimi anni ha ricevuto così tanta attenzione in relazione al sovraccarico.
 
C'è un'alta probabilità che tu conosca almeno una persona nel tuo ambiente che soffre di burnout.

Il burnout come fenomeno di massa

brucia l'uomo fatto

A rigor di termini, il burnout non è una malattia ma una sindrome
 
Perché il termine Burnout è ormai usato quasi inflazionistico, si potrebbe pensare che il burnout non lo sia malattia grave, ma una diagnosi di pura moda che ogni manager stressato deve ricevere almeno una volta nella vita per poter passare per vero manager.
 
In effetti, molti affermano che il burnout non esiste, è inventato o è solo uno troppo stress
 
Non è tranquillo giusto. A rigor di termini, il burnout non è una malattia, ma una sindrome, come vedremo nel dettaglio più avanti. Tuttavia, questa sindrome è molto più antica del suo nuovo nome, burnout: un tempo non c'era Sindrome del burnout diagnosticata, ma semplicemente nevrastenia, una debolezza nervosa causata da troppi fattori di stress. Ma ciò che si intende è lo stesso.

La sindrome del burnout è un pericolo sia per il corpo che per la mente

Ma non importa come chiami la sindrome: il burnout o la sensazione di essere esaurito e di sentirsi impotenti non è da scherzare. Gli oneri familiari, privati ​​e professionali a cui le persone sono esposte nella nostra società moderna spesso superano il limite di resilienza individuale. 
 
Chi sente nel tempo di non essere più all'altezza delle esigenze quotidiane, ma non cerca aiuto in tempo utile o non cambia marcia, scivola rapidamente nella trappola del burnout. E chi si è esaurito spesso ha molta strada da fare prima di poter ritrovare la strada per tornare alla vita di tutti i giorni.

Se hai bisogno di supporto o consiglio, ti consigliamo di contattare un medico, un allenatore o uno psicologo qualificato. Ora ci sono approcci moderni come questo consulenza psicologica online, che sono disponibili anche per te.

Cos'è la sindrome da burnout?

bruciare donna molto lavoro stanco

In generale, il burnout può essere definito come segue: Il burnout è una sindrome che descrive lo stato di completo esaurimento fisico, mentale ed emotivo negli esseri umani.
 
Le persone colpite si sentono esaurite, spesso non sono in grado di lavorare per un periodo di tempo più lungo e necessitano di misure terapeutiche complete per il pieno recupero. Che definizione più dettagliata della sindrome del burnout rende impossibile è la sua versione ampia.

Nell'ICD-10 (International Statistical Classification of Diseases and Related Health Problems), il sistema di classificazione riconosciuto a livello mondiale per le diagnosi mediche, la sindrome da burnout è sotto Z73 come problemi relativi a guaio nell'affrontare la vita classificato. A prima vista, questo ci dice… molto poco. Quindi andiamo più a fondo nella questione.

Il burnout come disturbo dell'umore

La sindrome del burnout non è una malattia in senso medico, ma una sindrome, che si esprime in oltre 130 sintomi diversi e molto spesso difficilmente si distingue da altri disturbi mentali o malattie fisiche.
 
In questo senso è un burnout un disturbo dell'umore, in cui l'equilibrio fisico e mentale di una persona non è più garantito.
 
Le persone interessate sono mentalmente esauste, sentire il vuoto emotivo, perdono molte prestazioni e spesso soffrono di ulteriori stati d'animo depressivi o malattie fisiche, che poi contano come sintomi di burnout.

Burnout come risultato di un processo graduale

Il burnout non si sviluppa da un giorno all'altro e può colpire chiunque: dagli studenti agli atleti, dai genitori agli insegnanti, fino ai manager e ai pensionati, non esiste un gruppo o una classe sociale conosciuta che sia generalmente risparmiata dal burnout.
 
Una fase di sovraccarico troppo lunga è vista come la ragione dello sviluppo di un burnout: se tutte le riserve di forza vengono gradualmente esaurite per un lungo periodo di tempo senza che la persona si conceda fasi di riposo e rigenerazione, ci sarà inevitabilmente un grande botto ad un certo punto.
 
Non per niente la sindrome da burnout è anche conosciuta come sindrome da stress.
 
Nella fase alta si arriva a esaurimento nervoso totale, che è accompagnato da esaurimento fisico, mentale ed emotivo. Come ormai sappiamo, questo picco della sindrome da burnout è preceduto da una fase di sviluppo spesso lunga, che può durare da pochi mesi a diversi anni. Prima dell'esaurimento effettivo, nella maggior parte dei casi ci sono chiari sintomi che indicano un esaurimento imminente. Quindi, se ti prendi cura di te stesso e ascolti il ​​tuo corpo, puoi evitare il burnout in tempo utile.
 
Ma come fai a riconoscere che stai rischiando di essere coinvolto nella sindrome da burnout? Diamo un'occhiata al corso e al carattere del processo della sindrome da burnout. 

Modello di fase di burnout: Le 7 fasi di burnout secondo Matthias Burisch

fuoco grafico burnout

il Professore e psicologo tedesco Matthias Burisch è uno dei principali ricercatori sul burnout. Si è dato il compito di decodificare e spiegare il complesso fenomeno del burnout nel modo più completo possibile. 
 
Ciò che è emerso dalla sua ricerca è ciò che ora si sa Modello a 7 fasi, in cui Burisch utilizza sette diverse categorie di sintomi per descrivere il processo di burnout fino al suo culmine, lo stato di totale esaurimento e l'esaurimento.
 
Ora esamineremo le 7 fasi una dopo l'altra e capiremo così passo dopo passo come si sviluppa un burnout.

Impegno contro esaurimento – Fase 1

La prima fase del modello di Burisch è caratterizzata dal dualismo di un maggiore impegno per obiettivi con segnali simultanei di esaurimento:
 
L'impulso che viene dall'interno, rispettivamente il desiderio di qualcosa di speciale eseguire o voler assolutamente soddisfare le aspettative degli altri, inizialmente sono vissuti come positivi.
 
Tutte le energie sono mobilitate per raggiungere l'obiettivo. 
 
Personalmente, l'altra faccia della medaglia all'inizio non è importante. I tuoi bisogni vengono negati e i primi sintomi premonitori come disturbi del sonno, pressione del tempo o tachicardia non vengono presi sul serio.

Ritiro strisciante - Fase 2

Nella fase 2, l'impegno iniziale viene lentamente invertito.
 
La volontà di aiutare gli altri o di sacrificarsi per gli altri è in costante diminuzione.
 
Gli obblighi, sia nel lavoro che in famiglia, vengono assolti solo con riluttanza e la capacità di essere empatici verso le altre persone sta diminuendo. 
 
Viene dato più spazio ai propri bisogni, ma all'interno di un quadro socialmente inaccettabile: Al lavoro, le pause sono troppo lunghe, vieni più tardi e te ne vai prima, sposti la responsabilità sugli altri e spesso reagisci in modo irritabile e cinico.

Squilibrio emotivo – Fase 3

Lo squilibrio emotivo nella fase 3 è ancora una volta caratterizzato da un dualismo, ovvero quello di depressione e aggressività: da un lato, ci sono ora autorimproveri, sentimenti di inferiorità, complessi, autocommiserazione, sbalzi d'umore e vaghi sentimenti di ansia, d'altra parte, le aspettative degli altri diventano più alte.
 
Uno è meno in grado di scendere a compromessi, sì spesso di cattivo umore, è per lo più negativo, impaziente, irritabile e entra in discussioni e conflitti con gli altri. Gli obiettivi precedenti, a cui si lavorava diligentemente, ora sono stati abbandonati.
 
Nella depressione, l'interessato cerca di incolpare se stesso, mentre nell'aggressività la respinge reprimendola.

Diminuzione dell'efficienza - fase 4

Nella fase 4 c'è una netta riduzione delle prestazioni a livello fisico e cognitivo.
 
Zu problemi di concentrazione e la stanchezza persistente sono aggravate da disattenzione e disorganizzazione. Nella fase 4, le persone colpite iniziano inconsciamente con uno stupido pensiero in bianco e nero e diventano estremamente inflessibili al cambiamento. 
 
Non capita quasi mai che un compito venga affrontato per motivazione personale o che l'interessato si senta produttivo.
 
Anche la creatività e l'immaginazione diminuiscono in modo significativo, I compiti vengono svolti solo a distanza e la gioia di vivere diminuisce notevolmente.

Declino nell'insignificanza - Fase 5

Burisch ha anche descritto la 5a fase con l'espressione appiattita: la vita emotiva e sociale della persona colpita sembra sempre più priva di significato.
 
La fase 5 può essere paragonata alla depressione maggiore.
 
L'interessato evita conversazioni e contatti, anche se si sente solo, disinteressato e annoiato, mostra tutto e tutti contrari indifferenza, è principalmente interessato a se stesso e non è più entusiasta di nulla.

Effetti psicosomatici e fisici - Fase 6

La fase depressiva è poi seguita da un aumento dei disturbi psicologici e fisici.
 
Il corpo e la mente non possono più farcelaper resistere al sovraccarico e ora dare chiari segnali che qualcosa non va.
 
I sintomi nella fase 6 vanno da tachicardia, irrequietezza, tensione muscolare e mal di schiena a indigestione, disturbi del sonno e problemi di potenza a mal di stomaco, vomito e aumento del consumo di alcol e tabacco o persino di droghe chimiche.

Burnout completato - Fase 7

Lo stadio 7 è il picco del burnout, l'esaurimento nervoso o lo stato di totale esaurimento in cui nulla funziona più.
 
Non è raro che le persone colpite in questa fase di burnout abbiano pensieri suicidi e un radicato senso di insensatezza e di vuoto.
 
pazienti in burnout in questa fase soffrono di una disperazione esistenziale che non consente più un atteggiamento positivo verso la vita.
 
Il corpo e la mente non chiedono più solo riposo e guarigione, ma lo rafforzano e si rifiutano semplicemente di servire.
 
Chi nella fase 7 del esaurimenti arrivato, ha preso troppo dal suo corpo e non ha altra scelta che sconvolgere la sua vita.

Burnout: un grido di aiuto per il cambiamento 

cambiamento di vita

Ora lo sappiamo le fasi della sindrome da burnout e sappi che rappresenta un serio pericolo per il corpo e la mente. Non li abbiamo ancora affrontati Cause di burnout - ed è esattamente quello che stiamo facendo ora. Si presume ora che il burnout sia causato dall'interazione di fattori interni ed esterni sfavorevoli.
 
Tuttavia, ci sono sostenitori che danno più peso ai fattori interni così come coloro che vedono il burnout principalmente come una causa esterna. L'unica cosa che è davvero d'accordo è quella Burnout una richiesta di aiuto per il cambiamento è che deve assolutamente essere preso sul serio.

Cause di burnout: Fattori che possono portare al burnout

fattori interni 

  • ricerca del perfezionismo
  • Forte ambizione
  • sacrificio per gli altri
  • Negazione dei propri bisogni
  • paura di sbagliare
  • Atteggiamento negativo verso la vita
  • Comportamento compulsivo

 
Persone particolarmente ambiziose o al di sopra della media perfezionismo dimostrano sono spesso ammirati dagli altri per la loro disciplina.
 
Ma sono proprio queste persone che hanno maggiori probabilità di esserlo a rischio di burnout sono di altri.
 
Chi pretende sempre il meglio da se stesso si sottopone costantemente a forti pressioni. Se poi non si soddisfa un requisito, la fiducia in se stessi soffre, la pressione autoprodotta cresce e porta rapidamente a uno stress permanente.

È importante sapere che il burnout non è causato solo da fattori interni o esterni. È molto probabile che siano principalmente fattori esterni a bruciare una persona.
 
Ma se si arriva a questo dipende non da ultimo dalla resilienza personale e dalla costituzione di una persona. 
 
Quindi è del tutto possibile che di due persone esposte agli stessi fattori esterni, una finirà per esaurirsi e l'altra no.
 
Questo ha quindi a che fare con i meccanismi di coping interiori individuali e la resilienza personale.

fattori esterni

  • lavoro impegnativo
  • Troppi straordinari
  • Poco tempo libero
  • preoccupazioni esistenziali
  • Krankheiten
  • problemi familiari
  • Sensazione di pressione e stress

 
Oltre ai fattori interni, ci sono una serie di fattori esterniquello in uno Burnout può fluire.
 
Questi includono soprattutto cattive condizioni di lavoro, troppi straordinari, problemi di gerarchia, mancanza di denaro e anche stress familiare
 
Che il numero di pazienti in burnout in costante aumento nella nostra società moderna non è un caso.
 
Molte persone ne soffrono Doppio carico di famiglia e lavoro. Se ci sono preoccupazioni esistenziali o malattie, ad esempio, per molti il ​​limite di stress viene rapidamente superato.
I fattori interni o esterni da soli non portano al burnout
 

Prevenzione del burnout: 10 consigli per prevenire il burnout

donna fortunata

Non c'è più alcun dubbio che il burnout debba essere preso sul serio. Se il tuo corpo e la tua mente inviano chiari segnali di sovraccarico, è consigliabile riposarsi e concedersi abbastanza tempo per rigenerarsi. La sindrome del burnout è strettamente correlata alle malattie legate allo stress e alla depressione e può quindi avere un impatto duraturo sulla vita.
 
Ecco perché è meglio non lasciare che si verifichi il burnout e prevenirlo. Funziona meglio quando sei consapevole di te stesso, ascolti il ​​tuo corpo e accetti i confini personali. Affinché tu abbia successo, ho 10 consigli per te prevenire il burnout compilato. 

1. Scegli come target il tuo carico di lavoro

Nessuno conosce una giornata lavorativa senza straordinari. Ma attenzione a non lasciarti sfruttare o subordinare le tue esigenze personali al lavoro. Non riesci a gestire il tuo carico di lavoro da solo? Quindi assicurati di parlare con il tuo supervisore e non lasciare che ti scoraggino con consolazioni. 
 
E: il tempo libero è tempo libero! Per separare meglio lavoro e vita privata, è consigliabile avere un cellulare in più per il lavoro che sia spento nel fine settimana e dopo il lavoro in modo che il tempo libero non sia oscurato dallo stress lavorativo. 

2. Persegui regolarmente i tuoi interessi

Ognuno ha qualcosa di cui è appassionato. Per il benessere personale, è importante occuparsi regolarmente di cose che ti danno piacere e dove puoi dimenticare la vita di tutti i giorni e ritrovare la pace. 
 
Quindi assicurati di riuscire a fare qualcosa solo per te almeno una o due volte alla settimana. Noterai subito che anche brevi pause ti aiutano a ricaricare le batterie. 

3. Trova il tempo per la famiglia e gli amici

Molte famiglie vivono insieme, ma raramente trascorrono del tempo insieme. Vivevamo fianco a fianco più che l'uno con l'altro. È la famiglia che ci sostiene ed è lì per noi nei momenti difficili.
 
Anche se può essere difficile organizzare il tempo della famiglia nella stressante vita quotidiana, non è impossibile. Che ne dici, ad esempio, di riunirsi per i pasti insieme o di andare regolarmente a una serata di gioco oa un viaggio nel fine settimana? 
 
Un buon contatto con i tuoi amici è altrettanto importante. Cerca di mantenere i tuoi contatti sociali al di fuori della tua famiglia, parla con i tuoi amici e sii lì per loro come loro sono lì per te. In questo modo potrete sostenervi a vicenda. 

4. Rendi il relax una routine

Se vuoi rilassarti e distenderti, non devi sempre fare 90 minuti di yoga o una passeggiata di due ore nella foresta. Per essere più resilienti ed equilibrati, è sufficiente rilassarsi consapevolmente per circa 15 minuti al giorno. 
 
Questo rilassamento può consistere in un viaggio da sogno, vari esercizi di respirazione o ginnastica. Alcune persone trovano pace anche quando si rilassano semplicemente sul divano e ascoltano musica rilassante per alcuni minuti e lasciano penzolare la loro anima. Prova solo quello che ti si addice meglio. 

5. Esercitati regolarmente all'aria aperta

Non c'è quasi nessun posto dove puoi spegnere e ricostituire le tue riserve di energia così come all'aria aperta. Se unisci il tempo all'aria aperta con l'esercizio, prendi due piccioni con una fava, perché l'esercizio ti rende felice e aiuta a ridurre lo stress. 
 
Quando ci muoviamo, nel corpo vengono rilasciate endorfine, che ovviamente hanno un effetto positivo sul nostro umore. Quindi ogni volta che hai l'opportunità di esercitarti all'aria aperta, dovresti assolutamente usarlo e fare qualcosa di buono per te stesso. 

6. Segui una dieta sana ed equilibrata

Non è più un segreto che le nostre abitudini alimentari hanno un impatto importante sul nostro benessere fisico e mentale.
 
Chiunque segua una dieta sana ed equilibrata può avere un'influenza molto specifica sulla propria salute. 
 
Una dieta sana ed equilibrata comprende molta frutta e verdura fresca, pesce, grassi sani e carne con moderazione. Se possibile, dovresti evitare grandi quantità di alcol, bibite e cibi con molto zucchero. 

7. Dormi abbastanza e regolarmente 

dormire letto uomo

Viviamo il sonno come uno stato di riposo, ma il sonno è un processo di recupero attivo per il nostro corpo, di cui abbiamo bisogno per la nostra salute, le nostre prestazioni e il nostro benessere.
 
Quindi, se presti attenzione a un ritmo del sonno regolare, avrai più energia durante il giorno. 
 
Due piccoli consigli: se hai tempo per un pisolino all'ora di pranzo, dovresti cogliere l'occasione. Anche corto I periodi di riposo sono un balsamo per il corpo e la mente.
 
Smartphone e tablet non hanno posto in camera da letto! È stato dimostrato che fissare lo schermo prima di addormentarsi riduce la qualità del sonno. 

8. Non mettere le tue esigenze in secondo piano

Siamo tutti felici quando altre persone ci danno aiuto e consigli quando abbiamo problemi.
 
Questo è uno dei motivi per cui cerchiamo di essere noi stessi per gli altri.
 
Tuttavia, dovremmo stare attenti a non aiutare solo nell'ambito delle nostre possibilità. 
 
Se ti ritrovi spesso a fare favori agli altri quando in realtà avevi altri piani o stai finendo il tempo per aiutare gli altri, dovresti imparare a dire di no:
 
“Vorrei aiutarti, ma purtroppo non posso farlo oggi” è un rifiuto educato ma fermo che puoi usare senza la coscienza sporca. 

9. Pensa nel modo più positivo possibile

Pensare positivo! 
 
La frase può suonare banale. In effetti, coloro che possono pensare in modo positivo stanno molto meglio dei mercanti di sventure.
 
Coloro che sono in grado di trovare qualcosa di positivo in quelle che sembrano essere situazioni negative sono più resilienti e possono anche affrontare meglio difficoltà impreviste. 
 
A proposito, il pensiero positivo può essere appresocercando di accettare una situazione così com'è e poi dirigendo consapevolmente la tua attenzione sugli aspetti positivi.
 

E prima di contraddire: Sì, c'è qualcosa di positivo da guadagnare da ogni situazione.

10. Confidati con gli altri

È importante per il nostro equilibrio mentale problemi e preoccupazioni per non mangiarci dentro, ma per parlarne.
 
Il proverbiale "parlare dall'anima" effettivamente ha un impatto positivo su di noi. 
 
Se qualcosa ti infastidisce o sei preoccupato per qualcosa, confidati con le persone su cui puoi contare.
 
Saranno sicuramente felici di aiutarti con parole e fatti e di aiutarti a superare i momenti difficili.

Come si può prevenire una ricaduta?

bambino donna felice

È ovvio, ma molti pazienti con burnout non ne sono consapevoli: dopo il successo del trattamento, il cambiato il tuo stile di vita in modo permanente essere usato per prevenire una ricaduta.
 
Se ricadi nei tuoi vecchi schemi e continui a fare ciò che hai fatto prima del trattamento dopo il trattamento, c'è una probabilità quasi del XNUMX% di ricadere molto presto. Per evitare ciò, a terapia comportamentale.
 
Naturalmente, la terapia comportamentale segue a trattamento del burnout di successo non necessario per tutti i pazienti. Tuttavia, è consigliato a coloro che non vedono davvero che devono cambiare qualcosa per non ricadere.
 
Prevenzione delle ricadute = prevenzione
 
Chi ha già avuto un burnout e vuole prevenire una ricaduta può prevenirlo tanto quanto chi non ha ancora avuto un burnout: Uno Prevenzione delle ricadute del burnout è quindi, a rigor di termini, nient'altro che pura prevenzione del burnout.

Trattamento del burnout - quando la prevenzione non è più possibile

Nella parte precedente, ci siamo occupati della prevenzione del burnout e ora sappiamo cosa puoi fare per prevenire il burnout in primo luogo.

Il problema con il burnout, tuttavia, è che molte persone non si accorgono nemmeno di come stanno lentamente perdendo forza ed energia e stanno scivolando verso il burnout. La caratteristica della sindrome del burnout è che le persone colpite spesso non percepiscono il processo graduale e lo notano solo quando è completo crollo mentale e fisico rendersi conto che hanno preso troppo su.

Aiuto rapido - Cosa fare dopo il crollo?

Se si verifica il burnout, una cosa è particolarmente importante: un rapido aiuto a livello mentale e fisico. Ma non è tutto. Per prevenire una ricaduta, le persone colpite dal burnout devono cambiare vita a lungo termine. Tuttavia, uno per uno. Diamo prima un'occhiata a come può essere l'aiuto subito dopo la rottura di un burnout.
 

Le persone colpite dal burnout hanno bisogno di un aiuto rapido su due livelli

Ad oggi non esistono piani precisi per il trattamento del burnout. Ciò può essere facilmente spiegato dal fatto che la stessa sindrome del burnout non è chiaramente definita. Ci sono oltre 130 diversi sintomi che contano per la sindrome da burnout. Tuttavia, ogni persona colpita soffre solo di una piccola percentuale di questa moltitudine di possibili lamentele.

Poiché la sindrome del burnout è caratterizzata da uno stato di completo esaurimento a livello psicologico, emotivo e fisico, il trattamento consiste sempre in una combinazione di diversi ausili sia a livello psicologico-emotivo così come il fisico livello.

Trattamento del burnout attraverso l'aiuto terapeutico

Poiché la causa del burnout in ogni persona risiede nelle condizioni di vita individuali e nello stato mentale personale, è tanto diversa quanto le persone stesse, ecco perché ogni trattamento del burnout è personalizzato individualmente per il paziente.

L'uso dell'aiuto terapeutico dovrebbe essere parte integrante del trattamento. Discussioni approfondite con uno psicologo o uno psicoterapeuta aiutano a scoprire come sia potuto accadere l'insidioso burnout. Le circostanze e gli atteggiamenti personali vengono analizzati e vengono sviluppate strategie per prevenire una ricaduta.

Trattamento del burnout attraverso l'aiuto fisico

Oltre a quello psicologico-emotivo, è necessario un aiuto fisico

I pazienti in burnout non sono solo mentalmente ed emotivamente, ma anche fisicamente a terra. Pertanto, hanno bisogno di supporto per recuperare le forze. Che aspetto abbia esattamente questo aiuto non si può dire in termini generali e dovrebbe assolutamente essere discusso con un medico. A seconda del burnout, sono possibili una permanenza alle terme, cure farmacologiche, un cambiamento nelle abitudini alimentari, l'inizio di un hobby e/o attività sportive regolari. 

L'aiuto psicologico-emotivo e fisico formano un tutt'uno

Nel caso in particolare dei pazienti burnout, che sono gravemente colpiti a livello fisico e psicologico, le misure terapeutiche su entrambi i livelli devono quindi andare di pari passo.

Quanto dura il trattamento del burnout?

Il successo trattamento del burnout può richiedere molto tempo, a volte può durare diversi mesi o addirittura anni. Ma dovresti assolutamente prenderti questo tempo per te. 

Autotest del burnout: sospetti un imminente burnout in te stesso?

il test della donna si esaurisce

Non tutti coloro che si sentono spesso stressati e pensano di poter far fronte alle esigenze della vita quotidiana si stanno effettivamente dirigendo verso il burnout. e tu Hai mai pensato a magari soffrire di burnout?

Se è così, non mettere da parte i tuoi pensieri, ma prendili sul serio. Ho preparato per te un piccolo test che ti aiuterà con la tua autovalutazione sul tema del burnout. 
 
Attenzione: Tieni presente che il seguente test non può in alcun modo sostituire una diagnosi professionale da parte di un medico, ma ha solo lo scopo di aiutarti pensiero personale controllare. Se ti senti male mentalmente o fisicamente, assicurati di consultare un medico o uno psicologo indipendentemente dal risultato del test.
 

Autovalutazione: sono sulla strada per il burnout?

Rispondi alle seguenti 10 domande con sì, no o forse e scrivi le tue risposte. Per favore, decidi spontaneamente, quindi non pensare a lungo alla tua risposta.
 

Prenditi cura di tet!

  • Preferirei non alzarmi la mattina.
  • Mi rendo conto che la mia vita personale e familiare risente dei miei impegni lavorativi.
  • Sono stato molto stressato ultimamente, sono energizzato e facilmente irritabile.
  • Spesso mi sento impotente e non all'altezza dei miei compiti.
  • Ho difficoltà ad addormentarmi, dormo raramente tutta la notte e spesso sono stanco.
  • Ho paura che la mia vita stia deragliando.
  • Bevo alcolici più spesso del solito e/o fumo di più.
  • Non riesco più a motivarmi a fare attività che mi piacciono davvero.
  • Non riesco più a concentrarmi così bene e la mia mente vaga velocemente.
  • Spesso mi sento vuoto dentro e non so cosa fare di me stesso. 

 
Se hai risposto sì più di cinque volte, dovresti assolutamente farne una consultare un medico e fallo esaminare più da vicino per vedere se hai effettivamente sintomi di burnout. Chiunque cerchi un trattamento in tempo utile ha ottime possibilità di prevenire il burnout o dovrebbe essere troppo tardi perché la prevenzione si riprenda completamente.

contenuto

Lascia un commento ora

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*