Mal di schiena: il disco intervertebrale

mal di schiena uomo che lavora
mal di schiena uomo che lavora

Il mal di schiena fa parte della vita quotidiana di molte persone. Non è solo il duro lavoro fisico o l'esercizio improprio che contribuiscono ai problemi alla schiena, ma anche stare seduti costantemente compromette la mobilità e favorisce una postura scorretta.

Recentemente si è parlato di “stare seduti è il nuovo fumo”. Mia moglie usa una scrivania pieghevole per evitare problemi alla schiena davanti al PC.

Oggi vogliamo entrare un po' più nel dettaglio dell'ernia del disco, nonché delle misure e delle opzioni di trattamento. Andiamo anche brevemente al sporgenza del disco, The nervo sciatico oltre osteocondrosi uno più vicino.

ernia del disco

Da uno ernia del disco la colonna vertebrale di una persona è interessata. In medicina, l'ernia del disco viene anche definita prolasso o ernia del disco.
un ernia del disco viene diagnosticata quando un disco sporge parzialmente dal suo spazio tra le vertebre in quello che viene chiamato canale spinale (il canale spinale che circonda la colonna vertebrale e racchiude il midollo spinale).

In molti casi, un'ernia del disco è causata dai cosiddetti cambiamenti degenerativi (cioè segni di usura) sulla colonna vertebrale. Nelle persone più giovani, un uso eccessivo o lesioni possono anche portare a un'ernia del disco. Statisticamente, l'età media di esordio per le persone che soffrono di un'ernia del disco è di 40 anni.
Un prolasso è solitamente accompagnato da tipici dolori lancinanti che possono diffondersi anche alle estremità.

Localizzazione/diagnosi di un'ernia del disco

Nella maggior parte dei casi, i dischi della colonna lombare sono affetti da un'ernia del disco. In media, questo si applica a circa il 90% dei prolassi del disco. Dolore e/o disturbi sensoriali alla schiena sono caratteristici delle ernie del disco nella colonna lombare. È anche possibile che i sintomi si irradino alle gambe o ai piedi.

Raramente, un prolasso può verificarsi anche nei dischi intervertebrali nel rachide cervicale. Se c'è un'ernia del disco corrispondente, il dolore che si verifica di solito colpisce le braccia, le spalle e le dita. Come con un'ernia del disco nella colonna lombare, possono esserci anche disturbi sensoriali nelle regioni del corpo corrispondenti.

Molto raramente, un'ernia del disco può verificarsi anche nella colonna vertebrale toracica.
Per poter diagnosticare l'esatta posizione di un'ernia del disco, il metodo della risonanza magnetica (RM) è uno dei metodi più adatti. Con l'aiuto di questo metodo di imaging, è possibile visualizzare diversi tipi di tessuto nel corpo.

Sintomi di ernia del disco

mal di schiena uomo con sedia

Un'ernia del disco non sempre causa sintomi, ma nella maggior parte dei casi un prolasso è associato a un caratteristico dolore lancinante.

La parte del corpo in cui compaiono i sintomi dipende, tra l'altro, dalla parte della colonna vertebrale interessata da un prolasso: mentre il prolasso della colonna lombare, ad esempio, può causare dolore o disturbi sensoriali (come intorpidimento o formicolio) in la schiena, le gambe o i piedi, corrispondenti ai possibili sintomi di un prolasso del rachide cervicale, spesso si estendono alle spalle, alle braccia o alle mani. I sintomi di un'ernia del disco possono aumentare durante una tosse o uno starnuto.

L'estensione di un'ernia del disco può anche influenzare i sintomi risultanti. E infine, i sintomi dell'ernia del disco dipendono anche da se e quali strutture nervose sono interessate da un'ernia del disco.

Complicazioni e sintomi di ernia del disco

Oltre ai classici sintomi che si osservano spesso in relazione a un'ernia del disco, in rari casi possono verificarsi altre complicazioni. Queste complicazioni includono, ad esempio, disturbi che influenzano la minzione o movimenti intestinali regolari. Allo stesso tempo, potrebbe esserci anche intorpidimento che si estende all'area genitale o anale.

Anche l'interno coscia può essere colpito da tale intorpidimento. Se la persona affetta sperimenta un corrispondente intorpidimento in relazione a un'ernia del disco, questo viene anche indicato in medicina come la cosiddetta anestesia di jodhpur. Una sintomatologia corrispondente viene solitamente valutata dai medici come segno di un'emergenza esistente: a seconda del singolo caso, potrebbe ora essere necessario eseguire un intervento chirurgico.

Come parte di tale misura chirurgica, il tessuto del disco intervertebrale che è prolassato nel canale spinale durante un prolasso viene rimosso. L'intervento può alleviare le fibre nervose che sono state colpite dal tessuto e hanno portato ai sintomi di emergenza.

Trattamento dell'ernia del disco

I dischi intervertebrali si trovano tra i corpi vertebrali e il loro compito qui è, tra l'altro, di assorbire le vibrazioni che colpiscono la colonna vertebrale. Ciò conferisce ai dischi intervertebrali una funzione quasi tampone. Ogni disco è costituito da un nucleo gelatinoso morbido, il nucleo, e da un anello di cartilagine che circonda il nucleo.

L'usura o le lesioni possono causare la formazione di lacrime nell'anello fibrocartilagineo di un disco intervertebrale, attraverso il quale la massa gelatinosa può penetrare nel canale spinale e scontrarsi con le fibre nervose. Questo prolasso della massa gelatinosa del nucleo del disco intervertebrale porta poi al tipico dolore lancinante e ai possibili disturbi sensoriali che possono essere associati ad un'ernia del disco.

Misure in caso di ernia del disco:

Un'ernia del disco è spesso seguita da una terapia non chirurgica, cioè conservativa, che dura circa 4-6 settimane. Circa il 90% delle ernie discali possono essere trattate con successo in modo conservativo o guarire da sole.

Immediatamente dopo un'ernia del disco, i medici raccomandano, a seconda dei sintomi, di alleviare e immobilizzare prima la colonna vertebrale. Ciò è possibile, ad esempio, indossando un polsino al collo. Il dolore derivante dall'incidente può essere trattato con farmaci antidolorifici dopo aver consultato il medico curante. In caso di dolore intenso, tale trattamento del dolore può essere utile, altrimenti può verificarsi un ciclo del dolore: anche i muscoli adiacenti reagiscono al dolore tensione, che a sua volta aumenta il dolore. Lo scopo dei trattamenti fisioterapici integrativi dopo un'ernia del disco è principalmente quello di rafforzare i muscoli della schiena. Tra le altre cose, questo può anche ridurre il rischio di subire un altro incidente.

Inoltre, indossando una lattina cinturino posteriore alleviare il dolore e prevenire lesioni. Se ti siedi spesso, può essere utile sedia da ufficio ergonomica con schienali regolabili in altezza.

Gli interventi chirurgici per il trattamento di un prolasso sono generalmente necessari solo se, ad esempio, si verifica un danno ai nervi o se il canale nervoso è stato schiacciato. Alcuni di questi interventi chirurgici sono possibili utilizzando le cosiddette procedure minimamente invasive. A seconda dei sintomi, tali procedure, note anche come chirurgia del buco della serratura, possono essere eseguite in regime ambulatoriale.

sporgenza del disco

Da uno ernia del disco è il cosiddetto sporgenza del disco che è anche indicato come protrusione del disco o ernia del disco incompleta. Un disco sporgente è spesso il precursore di un'ernia del disco. Un rigonfiamento del disco intervertebrale è solitamente causato da processi degenerativi.

A differenza di un'ernia del disco, un disco rigonfiamento è caratterizzato dal fatto che l'anello fibrocartilagineo del disco interessato da un rigonfiamento è ancora intatto: questo cosiddetto anello fibrocartilagineo circonda il nucleo molle di un disco intervertebrale. Se questo anello di cartilagine ora si gonfia nel canale spinale senza lacerarsi o se mostra solo piccole lacerazioni, si parla di protrusione.

A differenza di un'ernia del disco, i sintomi dolorosi associati a una protrusione del disco sono solitamente limitati all'area della colonna vertebrale interessata dalla protrusione. Solo raramente il dolore si irradia alle estremità corrispondenti.

Trattamento della protrusione del disco

Nella maggior parte dei casi, un disco sporgente può essere trattato in modo conservativo (cioè senza l'uso di un intervento chirurgico). A seconda dei sintomi, sono disponibili vari metodi per tale trattamento conservativo: una protrusione può essere trattata, ad esempio, con l'aiuto della fisioterapia (fisioterapia) o con un'osteopatia mirata. A seconda della gravità del dolore nel singolo caso di protrusione, può essere effettuato anche un trattamento antidolorifico di accompagnamento. Nell'ambito di tale trattamento, al paziente possono essere somministrate, ad esempio, compresse che hanno un effetto antidolorifico o antinfiammatorio.

Se il dolore derivante da una protrusione è molto pronunciato, irradiato e di lunga durata, le procedure di terapia del dolore come la terapia periradicolare possono essere utili: lo scopo di questa forma di trattamento è somministrare farmaci antidolorifici attraverso la pelle (per via percutanea) specificamente per le radici nervose, che possono essere coinvolte nel causare il dolore.

Problemi al nervo sciatico dopo un'ernia del disco

ischia

Se il nervo sciatico fa male e il dolore sordo e fastidioso si irradia nei glutei e nelle gambe, la causa è quasi sempre nell'area della colonna vertebrale. Non è raro che un'ernia del disco sia la causa del dolore, che può irradiarsi nei piedi. Il dolore si verifica quando il nervo o parte del nervo viene pizzicato.

Una pressione così elevata sulle terminazioni nervose provoca l'invio di segnali di dolore. Chiunque abbia segni di usura nella parte bassa della schiena è stato solitamente tormentato da tali lamentele più spesso. Il dolore intenso di un nervo sciatico schiacciato si verifica nel XNUMX-XNUMX% di tutte le persone la cui colonna vertebrale non è più completamente sana.

Tipico di un nervo sciatico schiacciato: dolore intenso e irradiato

Dal punto di vista medico, questo dolore è chiamato limbo-sciatica. In genere si irradia dai glutei lungo la gamba posteriore fino al piede ed è lancinante o bruciante, a volte violento come una scossa elettrica. Anche i sintomi di paralisi e intorpidimento sono effetti collaterali. Tosse o starnuti rendono i sintomi ancora più fastidiosi.

Essendo il nervo più lungo del nostro corpo, il nervo sciatico ha ricche ramificazioni che emergono dal midollo spinale alla base della colonna vertebrale e si estendono fino ai piedi. Non c'è da stupirsi, quindi, che il dolore possa essere sentito fino in fondo. Non appena un disco intervertebrale scivolato colpisce le radici del nervo sciatico, si verifica il forte dolore sopra descritto o addirittura la paralisi.

Trattamento del dolore sciatico

Sebbene il dolore sciatico acuto sia molto scomodo, di solito scompare dopo alcuni giorni o settimane. La fisioterapia ed esercizi speciali che rafforzano i muscoli della schiena possono impedire al disco intervertebrale di scivolare nuovamente, in modo che il dolore sciatico non si manifesti più in futuro.

In caso di disturbi cronici, soprattutto se sono colpiti anche gli organi vicini come la vescica e l'intestino e i loro sfinteri non funzionano più correttamente, dovrebbe essere considerato un intervento chirurgico.

osteocondrosi

mal di schiena uomo dopo essersi alzato

L'osteocondrosi è un'alterazione degenerativa dell'osso e della cartilagine. Può svilupparsi nelle articolazioni e nella colonna vertebrale. L'osteocondrosi è associata a diversi disturbi alla schiena. Le persone che hanno la scoliosi hanno maggiori probabilità di sviluppare osteocondrosi. Anche chi ha già avuto un'ernia del disco è a rischio.

Lo sviluppo dell'osteocondrosi

La malattia si sviluppa lentamente. Il dolore compare inizialmente solo dopo lo sforzo fisico o lo sport e si fa sentire al collo o alla schiena. Dopo un periodo di tempo diventa più intenso e si verifica quando si è seduti, sdraiati e in piedi. Si irradia nelle braccia e nelle gambe e va oltre il normale mal di schiena.

L'osteocondrosi si verifica nella colonna vertebrale a causa della graduale usura dei dischi intervertebrali. Di conseguenza, ci sono cambiamenti ossei all'interno delle vertebre. All'inizio, i dischi intervertebrali sono compressi a causa del sovraccarico. Questo può essere il caso, ad esempio, di stare seduti per troppo tempo, un duro lavoro fisico o troppo poco esercizio. Dopo anni, i dischi intervertebrali non possono più rigenerarsi e rimangono in questa forma compressa. Di conseguenza, sono meno in grado di attutire le vertebre. La pressione provoca escrescenze ossee che possono causare grande dolore. L'osteocondrosi si è sviluppata.

Più forte aumenta questa ossificazione con l'età, più immobile diventa la colonna vertebrale. La rigidità crescente può anche portare a una riduzione del dolore perché c'è meno attrito. La malattia è ancora in fase avanzata.

L'esercizio aiuta con l'osteocondrosi

Se ti alleni regolarmente e se possibile all'aria aperta, puoi fermare la progressione della malattia. Il metabolismo attivato favorisce la circolazione sanguigna e stimola il sistema linfatico. Di conseguenza, gli acidi che appesantiscono il corpo vengono eliminati più rapidamente. I nutrienti importanti arrivano a destinazione senza indugio.

Trattamento dell'osteocondrosi

Se cerchi di evitare un'operazione, inizi con la terapia del dolore. La terapia è combinata con un back school ed esercizi di rilassamento. In una fase iniziale, questo può portare a un sollievo significativo.

contenuto

Lascia un commento ora

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*